Diventa volontario

Diventa volontario

Fare volontariato, per ABIO significa semplicemente donare un sorriso.

Scopri di più...

Sostieni ABIO

Sostieni ABIO

Ti sei mai chiesto se puoi fare qualcosa per sostenere le attività di ABIO Grosseto?

Scopri di più...

Ci prendiamo cura dei bambini in ospedale

Cosa significa “prendersi cura”?

Per ABIO significa accogliere il bambino, l'adolescente e la sua famiglia fin da quando entrano in ospedale; significa proporre un gioco, un puzzle, la lettura di un libro, creare un ambiente accogliente, colorato, adeguato alle esigenze dei bambini. A volte significa semplicemente ascoltare. Inoltre significa promuovere i diritti di tutti i giovani ospiti della struttura ospedaliera.

Questo è l'impegno che si assume chi sceglie di diventare volontario ABIO: un compito importante, riconosciuto ormai come necessario e fondamentale dal personale ospedaliero, da svolgere in un ambiente complesso per il quale è necessaria una specifica preparazione.

...per i bambini

...per i bambini

I pazienti più piccoli, sono quelli che soffrono maggiormente l’impatto con la realtà ospedaliera, quelli che fanno più fatica a capire un mondo fatto “per i grandi” e così lontano dalle loro necessità di gioco e relazione. ABIO aiuta questi piccoli ospiti, restituendo loro la voglia di attivarsi, giocare e sorridere. Inoltre si pone al fianco delle famiglie e degli operatori sanitari.

ABIO…

  • accoglie i piccoli ospiti al momento del ricovero
  • organizza giochi e attività per poter sorridere anche in reparto
  • allestisce reparti e sale giochi accoglienti e colorati
  • fornisce giochi, materiali e decorazioni
...per i ragazzi

...per i ragazzi

Quando in reparto ci sono ricoverati giovani adolescenti, ci sentiamo dire da famiglie e operatori “non ha bisogno, tanto lui è grande”. Noi non ci arrendiamo: non è un caso se facciamo continuo riferimento ai ragazzi, e non solo ai bambini. Gli adolescenti infatti, pur rientrando nell’età pediatrica (0-18 anni) e pur venendo ricoverati accanto ai bambini, hanno esigenze del tutto specifiche, spesso opposte a quelle dei bambini stessi. ABIO Grosseto raccoglie questa stimolante sfida e si propone di offrire ai ragazzi condizioni di degenza in sintonia con i loro bisogni, giochi e attività specifiche, compagnie adeguate e luoghi adatti a loro. Ogni giorno, e sempre di più, ABIO promuove la riflessione e la ricerca di soluzioni mirate per questi ospiti speciali.

...per le famiglie

...per le famiglie

I volontari ABIO sostengono anche le famiglie: per ogni bambino ricoverato, c’è una famiglia che deve affrontare preoccupazioni, ansie, cambiamenti nelle abitudini, luoghi nuovi e inesplorati. Sappiamo quanto un genitore più sereno e consapevole, possa essere la prima risorsa utile al bambino ricoverato.

ABIO…

  • è disponibile all’ascolto attivo e partecipe
  • è una presenza discreta e famigliare
  • aiuta ad orientarsi nelle regole e nelle abitudini dei reparti
  • fornisce indicazioni utili sulle strutture e sui servizi disponibili
  • accudisce il bambino in caso di momentanea assenza del genitore per commissioni e incombenze
  • è una presenza pratica e concreta
...per gli operatori

...per gli operatori

Il volontariato ABIO si prefigge di essere utile anche all’Ospedale, agli operatori e di conseguenza al tessuto sociale della provincia e della regione.

ABIO…

  • si inserisce con spirito di collaborazione tra le figure che operano in ospedale
  • dona giochi e materiali come televisori, arredi, poltrone-letto, passeggini e dispositivi utili per rendere l’ospedale più accogliente
  • promuove la collaborazione con altri enti che abbiano scopi complementari, come la scuola in ospedale
  • contribuisce ad alleggerire le incombenze degli operatori sanitari occupandosi di piccole necessità di bambini e famigliari
  • collabora con le istituzioni esterne come comuni, scuole, associazioni ed enti per promuovere il proprio scopo sociale
  • sensibilizza gli operatori e l’opinione pubblica sui temi legati ai diritti dei bambini e adolescenti ricoverati

Cosa ci sta a cuore...

...L'ACCOGLIENZA

Per aiutare i bambini in ospedale in modo efficace, ABIO promuove da sempre la realizzazione di ambienti accoglienti e colorati: dagli arredi della saletta giochi in pediatria a quelli della sala d'attesa del pronto soccorso pediatrico, dalle decorazioni dei reparti pediatrici a quelle della neonatologia: tutto è a misura di bambino.

Da anni ABIO Grosseto, inoltre, offre ai piccoli ricoverati la Borsina dell'Accoglienza, che contiene le principali informazioni sull'ospedale e i servizi reperibili nei dintorni, materiale per il disegno e un libricino di giochi.

...LA FORMAZIONE

Quello del volontario al fianco dei bambini in ospedale e delle loro famiglie è un ruolo delicato. Per questo per diventare volontario ABIO è necessario seguire un corso di formazione: solo cosi è possibile garantire un servizio di volontariato realmente efficace e idoneo all'ambiente in cui viene svolto.

…I DIRITTI

Da sempre ABIO si impegna per garantire che siano assicurati i diritti dei bambini e delle loro famigli fin dal primo momento del ricovero in ospedale. Dalla carta dei diritti alla Certificazione della qualità delle pediatrie, per un ospedale all'altezza dei bambini.

La carta dei diritti

La carta dei diritti

Nel 2008, ABIO e SIP (Società Italiana di Pediatria) hanno ideato e diffuso la Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale. E’ stato un traguardo importante per l’Italia, che ha portato ad un nuovo modo di pensare al bambino e all’adolescente ricoverato in ospedale. La carta, che costituisce oltretutto una pagina di rilievo per i rapporti fra sanità italiana e volontariato, impegna tutte le parti coinvolte sull’importanza di passare dal “curare la malattia”, al “prendersi cura dei bambini e dei ragazzi”.

Leggi i 10 punti della Carta, i diritti vanno conosciuti, per essere reclamati. ABIO Bergamo si unisce a Fondazione ABIO e alla Società Italiana di Pediatria, per diffondere la conoscenza della Carta e per chiedere a tutti il rispetto dei diritti che stabilisce.

Un ospedale all'altezza dei bambini

Un ospedale all'altezza dei bambini

Successivamente all’introduzione della Carta dei Diritti dei Bambini e degli Adolescenti in Ospedale, ABIO è andata oltre. Il nostro stile è quello di rendere tangibili e verificabili i concetti espressi dalle buone intenzioni. Sappiamo come in tanti siano capaci di belle parole ma quanto sia difficile tradurle nella realtà quotidiana. Uno dei grandi impegni, in quest’ottica, è stata l’introduzione della certificazione “All’Altezza dei Bambini” (visita il sito per saperne di più). Si tratta di un Manuale direttamente tratto dalla Carta, che contiene tutti i requisiti che un Ospedale deve avere per essere considerato rispondente ai diritti dei bambini e degli adolescenti ricoverati. La certificazione, è una vera e propria patente che racconta il percorso fatto dall’Ospedale che la richiede, e il successo nel centrare gli obiettivi. Per la certificazione, ABIO è capofila di un gruppo di lavoro che coinvolge la Società Italia di Pediatria, Joint Commission International e Progea. Nel 2018 anche l’ospedale Misericordia ha ottenuto la Certificazione di Ospedale all’Altezza dei Bambini, confermando così la qualità dei propri reparti pediatrici, la competenza degli operatori sanitari e l’impegno nel rispetto dei diritti dei piccoli ricoverati. Il Misericordia è il 10° ospedale in Italia ad aver superato i criteri di ammissione e aver ottenuto questa Certificazione.

E fuori dall'ospedale?

Dal 2014 ABIO Grosseto è presente nelle scuole primarie con il progetto “Ti presento l'ospedale” che si propone come scopo primario di far conoscere al bambino, in un momento di serenità e in un luogo a lui familiare e protetto come la sua aula scolastica, l'ambiente dell'ospedale, le figure professionali che vi operano, gli strumenti che vengono utilizzati e il ruolo del volontario ABIO.

In particolare, partendo dal presupposto che ciò che si conosce fa meno paura, ABIO Grosseto, con questo progetto, vuole presentare ai bambini l'ospedale e tutto ciò che ruota intorno ad esso e farlo loro conoscere sotto un altro punto di vista, che non esclude la realtà della malattia e del dolore, ma che si concentra sull'elaborazione di immagini positive attraverso il gioco, il disegno e la scrittura.

La convinzione di ABIO Grosseto è che, semmai in futuro questi bimbi dovessero vivere l'esperienza, potenzialmente traumatica, del ricovero, potranno farlo in maniera più serena, perché consapevoli che l'ospedale non è solo paura, dolore, camici bianchi e pareti grigie, ma anche colore, gioco, amici e persone qualificate che ti accolgono come ospite e non solo ti curano, ma si prendono cura di te.

Obbiettivi del progetto

  • far conoscere l'ambiente ospedaliero
  • far conoscere le varie figure professionali
  • far conoscere il ruolo del volontario ABIO all'interno dell'ospedale
  • far elaborare delle immagini positive legate all'idea dell'ospedalizzazione, in modo da ridurre al minimo il rischio di trauma
  • aiutare il bambino a trattare le paure legate all'idea di malattia e dolore
  • far conoscere le varie attività ludico- ricreative che si possono svolgere durante il ricovero
  • far elaborare attraverso il gioco, il disegno e la scrittura le loro sensazioni ed emozioni

Copyright

l logo ABIO è un marchio registrato e i testi presenti sul sito sono di proprietà della Fondazione ABIO Italia Onlus. La riproduzione parziale è possibile solo a fronte di autorizzazione scritta da parte della Fondazione ABIO Italia Onlus e dell'Associazione ABIO Grosseto

ABIO Grosseto

Ass.ne per Il Bambino in Ospedale Onlus
Sede legale: Via De Amicis 11 58100 Grosseto (GR)
Cod. Fisc. 92053340532

Contatti

TELEFONO +39 389 925 9189
POSTA ELETTRONICA
info@abiogrosseto.it
segreteria@abiogrosseto.it
abiogrosseto@pec.it

Credits

Questo sito è stato realizzato da Studio2web Grosseto

RAPPORTI ECONOMICI CON GLI ENTI PUBBLICI
Ai sensi della legge 124 del 2017 si dichiara che ABIO Grosseto Onlus non ha incassato complessivamente € 10.000 nell'anno 2017, a seguito di sovvenzioni, contributi vantaggi economici di qualsiasi genere da Pubbliche amministrazioni e società partecipate da enti pubblici.